La corretta alimentazione: il gatto
Condividi  

La corretta alimentazione: il gatto

Lo sapevi che?

Un gatto che si alimenta in modo equilibrato fin da cucciolo avrà buone probabilità di prevenire le malattie legate alla vecchiaia. Ecco perché è importante che assuma gli alimenti con il giusto apporto di sostanze nutritive: 45% di proteine, 45% di grassi e solo il 4-5% di carboidrati

Gli alimenti industriali di qualità sono più economici delle preparazioni casalinghe, e contengono tutti i principi nutritivi necessari ai nostri amici. I gatti non amano cambiare abitudini alimentari: se si cambia marca di croccantini, i primi giorni i nuovi devono essere mescolati ai vecchi.

I cibi umidi, già bilanciati, non vanno integrati con altri alimenti. Le crocchette, che possono rimanere anche a lungo nella ciotola, si adattano al comportamento dei gatti, che mangiano più volte nel corso della giornata. La ciotola, preferibile in metallo o ceramica, va sempre lavata con cura per evitare che i residui sviluppino germi pericolosi. 

Scarica la scheda in formato .pdf

MEMO

Quali alimenti non dare mai al tuo gatto. 

Dolci, soprattutto negli animali diabetici e in sovrappeso

• Ossa e lische di pesce, perché possono scheggiarsi e causare gravi danni a esofago, stomaco e intestino

• Cibi speziati o molto salati, formaggi stagionati e legumi, difficili da assimilare

• Ritagli grassi in gran quantità, che causano obesità e la pancreatite

• Cibo per cani, perché ognuno ha una dieta specifica

Dieta equilibrata gatto