SPEDIZIONE A PARTIRE DA 4,90€. GRATIS PER ORDINI SUPERIORI A 89€

 

Mini Cart

Piante italiane: gli agrumi!

Da un'iniziativa di AICG, scopriamo ogni mese una pianta diversa.

Gli agrumi, decorativi e affascinanti, sono piante versatili che hanno la capacità di adattarsi benissimo alla coltivazione in vaso, espediente utile per tutti coloro che vogliono godere della loro bellezza anche su un balcone o su un terrazzo. Se si vive in zone con inverni più freddi, occorre porli al riparo in caso di forti gelate. In Italia, dalla Liguria al Centro- Sud, ci sono molti vivai di produzione di piante di agrumi, ma il distretto produttivo più importante a livello europeo è sicuramente quello della Sicilia, regione che produce una grande quantità e varietà di piante di alta qualità. A essa si aggiunge la Calabria con alcune eccellenze vivaistiche agrumicole di notevole interesse.

I LIMONI: AGRA BELLEZZA!

I limoni sono tra gli agrumi più richiesti, coltivabili a cespuglio, ad alberetto, a spalliera, sia nei vasi, nelle fioriere e in giardino. La quasi totalità dei limoni coltivati in vaso appartiene al gruppo rifiorenti, cosiddetti 4 stagioni, pianteche, con le giuste condizioni di temperatura e luce, possono fiorire e fruttificare per molti mesi. I fiori (le zagare) possono essere di colore bianco puro come nella varietà Zagara Bianca che produce limoni tondeggianti, con la buccia piuttosto spessa. Nella varietà Lunario, molto produttiva, i fiori sono bianco-violetti con frutti allungati e buccia liscia e sottile, invece il Limone Meyer produce frutti più dolci, dopo una splendida fioritura a mazzetti bianca-violetta.

KUMQUAT, CALAMONDINI E CHINOTTI

Tra gli agrumi dalla grande valenza ornamentale spicca il kumquat, detto mandarino cinese. Non appartiene al genere Citrus e ha caratteristiche un po’ diverse: è più resistente al freddo e ha la crescita contenuta, adattabile in vaso. Ha la chioma compatta, produce frutti arancioni molto duraturi, un po’ aspri, edibili con la buccia e dalle ottime proprietà digestive. Ha crescita ridotta anche il chinotto, con piccole foglie verde scuro, una fioritura molto profumata che dà origine a frutti di color arancio scuro che durano mesi, consumabili dopo necessaria lavorazione. Il calamondino ha frutti rotondi, vere e proprie perle arancioni che aspettano di brillare al sole e che decorano la pianta per più stagioni, solo a scopo ornamentale.

ARANCI, MANDARINI, CLEMENTINE

Per unire sapore e proprietà nutritive, protagonisti sono sicuramente gli aranci dolci. Le varietà più coltivate sono il Washington Navel, il Navellino, il Valencia Late, il Vaniglia (arance bionde); il Tarocco, il Sanguinello e il Moro (arance rosse). Le zagare, di colore bianco puro, sono profumatissime. I mandarini hanno frutti più aromatici, leggermente più aspri e più appiattiti. Una delle migliori varietà è il Tardivo di Ciaculli, dai frutti che si possono raccogliere fino a tardo inverno. I mandaranci o clementine sono più dolci e solitamente senza semi. Sono piante generose che, con tanto sole e concimazioni regolari, come gli aranci e i mandarini, possono dare un’ottima fruttificazione anche in vaso.

FINGER LIME, COMBAWA

Tra le tante specie di agrumi, anche rare, possiamo evidenziare due curiosità esotiche. Il Finger lime, o Limone caviale, originario dell’Australia, è presente in diverse varietà. La pianta è un alberello spinoso con piccole foglie. I frutti contengono una polpa che si presenta come un insieme di succosi globuli rotondi, da degustare con un cucchiaino o da utilizzare per completare ricette da veri chef. Il Combawa o Papeda, originario delle isole dell’Oceano Indiano, è una pianta vigorosa, ha foglie dalla forma insolita, molto profumate ed eduli, utilizzabili in cucina. Produce frutti gibbosi, irregolari e tondeggianti di colore verde, con buccia spessa, quasi privi di polpa, molto aromatici, che vengono utilizzati nell’alta cucina. 

CURA & MANUTENZIONE

Marzo è il mese ideale per pensare agli agrumi, le piante ricominciano a vegetare e preparano i fiori. Per metterle a dimora è opportuno utilizzare un buon terriccio, nutriente e specifico. Gli agrumi hanno radici superficiali, radiscono terreno ben drenato, temono i ristagni idrici; è bene irrigare e concimare regolarmente, soprattutto nel periodo di fioritura e subito dopo. I concimi devono essere specifici per agrumi: ricchi di fosforo, potassio, ferro e microelementi. I nemici principali degli agrumi sono il forte freddo, gli stress idrici e alcuni parassiti come la cocciniglia e la minatrice: tutti problemi risolvibili rivolgendosi a un florovivaista esperto. I frutti degli agrumi hanno infinite proprietà nutrizionali e medicinali; sono ricchi di vitamina C, di antiossidanti naturali, di sostanze probiotiche e sono fondamentali per prevenire malattie cardiovascolari, proteggere stomaco e intestino e ridurre il colesterolo (pompelmo e bergamotto). Sono utili nelle diete perché danno sensazione di sazietà. 

 
POTREBBE INTERESSARTI
Chi ha visto questo consiglia anche...
  1. Compo gesal concime liquido agrumi 1l
    Non Disponibile
  2. Solabiol concime agrumi
    Solabiol
    € 8,30
  3. Biotrissol concime liquido per agrumi neudorff lt. 1
    IN PROMOZIONE
    Neudorff
    Prezzo speciale € 6,99 Prezzo predefinito € 8,10