SPEDIZIONE A PARTIRE DA 4,90€. GRATIS PER ORDINI SUPERIORI A 89€

 

Mini Cart

Quale terriccio scegliere per le mie piante?

Guida alla coltivazione di bonsai, agrumi e succulente

Dalla terra nasce tutto e si rigenera in un eterno ciclo naturale che permette alle piante di essere rigogliose lì dove le condizioni sono ottimali.

Il terriccio è il risultato di un preciso processo di decomposizione di sostanze vegetali (come fiori, foglie e piccoli rami) che sono caduti sul terreno e sono stati assimilati. Ma non solo: i terricci si differenziano anche per la presenza variabile di altri residui come creta, argilla, limo, ciottoli e sabbia. In questo modo si possono determinare le condizioni chimiche (come il livello di acidità o la presenza di elementi nutritivi) e strutturali (come la capacità di drenare o trattenere umidità) precise.

Scopriamo insieme i differenti tipi di terriccio per creare il giusto habitat per le piante con esigenze particolari come bonsai, succulente, orchidee e agrumi. 

Terriccio universale

Si tratta del terriccio più comune e si ottiene dalla mescolanza di torbe o, nel caso di terricci BIO, di un mix di sostante organiche vegetali. Nei terrici di altissima qualità, di solito, è presente anche una percentuale variabile di concime minerale.  

Terriccio per bonsai 

La prima caratteristica che deve avere un buon terriccio per bonsai è la sua capacità di trattenere l’umidità, ma evitando i ristagni garantendo un’ottima ossigenazione delle radici. Meglio, quindi, puntare su terricci con composizione granulosa. 

Terriccio per piante succulente

Le piante succulente sono tipiche delle zone aride e possono essere coltivate nelle nostre case senza grossi problemi ma con qualche accorgimento. Il terriccio ideale deve essere sabbioso e molto drenante per evitare l’accumulo di eccessiva umidità. Aggiungere lapilli vulcanici, o addirittura dei sassi, al terriccio sabbioso può evitare che l’acqua ristagni in prossimità delle radici.

Terriccio per agrumi

Per avere agrumi sani e che diano i loro preziosi frutti è bene scegliere un terriccio ricco di sostanze nutritive come come fosforo, ferro, potassio e azoto. Un’attenzione particolare va riservata al livello di acidità del terreno. Il PH non dovrebbe discostarsi troppo tra il 5 e il 6.5.  Gli agrumi preferiscono il caldo e un clima mediterraneo. Se coltivati in zone fredde è bene tenerli in vaso per poterli ritirare e proteggere dai freddi eccessivi durante l’Inverno. In questo caso si consiglia inoltre di posizionare dell’argilla espansa nella parte inferiore del vaso.

 

Scopri la nostra offerta di terricci su Agricolashop.it