SPEDIZIONE A PARTIRE DA 4,90€. GRATIS PER ORDINI SUPERIORI A 89€

 

Mini Cart

Irrigazione per l'orto e il giardino: trucchi e tecniche speciali

Irrigazione a pioggia, a goccia & company: quale scegliere?

 

Sebbene la nostra sia una provincia piuttosto piovosa, purtroppo non è sufficiente fare affidamento alla pioggia per non far seccare le piante del nostro giardino o evitare che il sole di “bruci” i nostri prati. Ma non solo... Non si tratta soltanto dell’elemento estetico che piante secche e erba gialla rendono poco piacevole, ma quando si parla di irrigazione si parla soprattutto di nutrimento! L’acqua è molto preziosa per le nostre piante perché è grazie ad essa se le piante possono prosperare, crescere, fiorire e donarci i frutti per esempio se abbiamo un orto.

Niente acqua, niente bellezza. Comprendere quanto sia preziosa dovrebbe inoltre spingerci a capire quando dovremmo impegnarci per non sprecarla! Come prenderci cura, allora, del nostro giardino e dei nostri orti senza sciupare un bene così prezioso? Scegliendo la giusta tecnologia che fa al caso nostro, delle nostre piante e dell’ambiente.

Un buon impianto di irrigazione può far risparmiare molta acqua rispetto ad un metodo di annaffiatura erroneo o che non risponde alle giuste domande. Scopriamo insieme di che cosa stiamo parlando!

 

CONOSCI LA TUA TERRA?

Per prima cosa dobbiamo imparare a conoscere il terreno. I terreni argillosi, per esempio, trattengono più acqua rispetto a quelli sabbiosi. Per capire se la terra del tuo orto o del tuo giardino è argillosa, prova a prenderne un pugnetto in mano e a compattarla. Se rimane la “forma” che gli hai dato con la pressione delle mani, vuol dire che la tua terra è decisamente argillosa e tenderà a drenare poco aumentando così il rischio di ristagni e marciume. Se è sabbiosa, invece, rischierà di seccarsi presto a causa del caldo e del vento e a lasciare le radici delle tue piante all’asciutto.

In base alla tipologia del terreno ti dovrai regolare sulla quantità di acqua necessaria che, in estate, può andare dai 5 ai 15 litri per metro quadrato. Una bella differenza!

QUANDO BAGNARE IL GIARDINO?

Alla fine degli anni Ottanta spopolò un film per ragazzi piuttosto inquietante, ma simpatico. Un rappresentante giramondo regalò al proprio figlio uno strano animaletto. Unica raccomandazione: non bagnarlo e non dargli mai da mangiare dopo mezzanotte!

Ecco… per le piante funziona più o meno così. Non si trasformeranno di certo in Gremlins dispettosi e violenti, ma c’è una regola che va osservata con assoluta disciplina (non come il tizio del film). Mai, mai e poi mai dare da bere alle piante quando il sole è a picco. Le motivazioni sono principalmente due: lo shock termico e il rischio che l’acqua che rimane sulle foglie, le “bruci” durante l’evaporazione stimolata dal solleone.

Bagnare all’alba o la sera tardi, quando le temperature si abbassano e rallentano il processo di evaporazione. No agli sprechi, ricordi?

QUALE TECNOLOGIA FA AL CASO TUO?

Elenchiamo brevemente le differenti tipologie di irrigazione per il giardino

  • IRRIGAZIONE A PIOGGIA: Tantissime micro-goccioline bagnano dall’alto verso il basso, ricordando la pioggia naturale. Delicata! CLICCA QUI PER SCOPRIRE I NOSTRI PRODOTTI PER L'IRRIGAZIONE! 
  • IRRIGAZIONE A GOCCIA: Lentamente e “chirurgicamente” l’acqua viene rilasciata da un sistema di distribuzione direttamente alla base della pianta. Per gli amanti della precisione! CLICCA QUI PER SCOPRIRE I NOSTRI PRODOTTI PER L'IRRIGAZIONE! 
  • IRRIGAZIONE A MANICHETTE O TUBI FORATI: Una vera e propria rete di tubi e accessori che ricoprono tutto il terreno al di sotto del telo della pacciamatura. Like a pro! CLICCA QUI PER SCOPRIRE I NOSTRI PRODOTTI PER L'IRRIGAZIONE! 
 
POTREBBE INTERESSARTI
Chi ha visto questo consiglia anche...
  1. Tubo di linea da 13 mm (1/2") metri 10
  2. Centralina irrigazione C-DIAL 6 stazioni
  3. Centralina irrigazione C-DIAL 4 stazioni
  4. Programmatore irrigazione WM312 interno 12 stazioni