SPEDIZIONE A PARTIRE DA 4,90€. GRATIS PER ORDINI SUPERIORI A 89€

 

Mini Cart

La cura del prato: la preparazione del terreno

I consigli di Compo per avere un prato perfetto

Quali sono i trucchi per avere un prato sano e rigoglioso? In questa prima parte di questa miniguida realizzata in collaborazione con Compo, scopriremo come rigenerare un prato, come seminare e come combattere le infestanti.

IL TAGLIO DI RIPRESA E L’ARIEGGIAMENTO

La manutenzione primaverile incomincia dal taglio di ripresa, che consiste con un taglio basso (non bisogna asportare oltre un terzo della foglia presente) per eliminare gli apici giallastri. Ricordatevi, in questa fase, di raccogliere subito dal terreno lo sfalcio perché la seconda cosa che andrete a fare sarà l’eliminazione del feltro.

Il feltro è uno strato di erba morta, foglie, detriti e residui vegetali situato alla base del tappeto erboso e va eliminato attraverso la scarificatura, perché blocca il passaggio di luce, aria e acqua.

Un ulteriore passaggio potrebbe essere quello di forare il terreno per favorire l’arieggiamento.

LA PREPARAZIONE DEL TERRENO

Quando parliamo di trasemina non dobbiamo pensare che sia sufficiente seminare per avere un bel prato, perché fondamentale prenderci cura del top soil.

Cosa s’intende per top soil?

Il top soil è lo strato superficiale del terreno (circa una spanna e mezza) in cui le radici assorbono acqua e le sostante nutritive presenti nel terreno. Per far sì che il seme trovi il giusto habitat per germogliare e radicare è necessario:

  • Aggiungere del nuovo terriccio specifico per tappeti erbosi
  • Nutrirlo

I NUTRIMENTI NECESSARI PER UN PRATO SANO E FORTE

Gli elementi necessari al nostro substrato sono Azoto, Fosforo e Potassio. Ogni concime contiene una miscela di questi elementi in base alle necessità del momento. Possiamo capire la proporzione di questi tre elementi leggendo le etichette presenti sulle confezioni in cui, in genere, troviamo tre cifre divise da un trattino che vanno interpretati in questo ordine: azoto (N) – Fosforo (P) – Potassio (K)

Un concime NPK 16-20-8 è ad alto titolo di fosforo, per esempio, ed è l’ideale al momento della semina perché il Fosforo rafforza e stimola la crescita delle radici per ancorare il prato al terreno, l’Azoto dona vigore e colore all’erba, stimola la crescita vegetativa e il Potassio rende il prato più resistente alle avversità, malattie, infestanti e stress termici.

Una volta scelto il concime giusto possiamo distribuirlo anche grazie ad uno strumento specifico come un carrello spandiconcime. Ora è il momento di seminare!

 

 
POTREBBE INTERESSARTI
Chi ha visto questo consiglia anche...
  1. Graminicida selettivo concentr
  2. Compo Prato Concime granulare 5 KG
  3. Miscuglio landscaper pro performance
  4. Concime per tappeti erbosi landscaper pro shade special kg. 15