Tulipano
Condividi  

Tulipano

Simbolo della primavera, il tulipano fu importato dalla Turchia nel ‘600 scatenando una folle passione.
Da allora gli Olandesi hanno selezionato migliaia di varietà e ibridi. Tra i più ricercati, quelli a fiore di peonia, quelli neri (come “Negrita”, “Black Parrot”, “Queen of the Night”) o verdi (“Artist”, “Dancing Show”, “Florosa”,) e quelli botanici (Tulipa kaufmanniana, T. greigii).
Rendono splendide aiuole e bordure, sono adatti al giardino roccioso, facili e spettacolari in vasi e cassette del balcone.

Fioritura:
primavera

Esposizione:
pieno sole

Altezza media:
60 cm

Temperatura minima

Dove collocarlo

In pieno sole o in mezz’ombra molto luminosa, al riparo dal vento.

Irrigazione

Innaffiare con moderazione durante la crescita e la fioritura, quando il terriccio è asciutto e senza creare ristagni: i bulbi sono sensibili ai marciumi dovuti a troppa umidità.

Concimazione e rinvaso

I bulbi contengono già le sostanze nutritive necessarie alla fioritura, ma apprezzano una dose di concime granulare per piante da fiore a fine inverno o dopo la fioritura.

Cure generali

I bulbi si piantano a novembre, a una profondità pari al doppio del loro diametro. Dopo la fioritura si tagliano gli steli fioriferi. Le foglie, che devono accumulare nel bulbo sostanze di riserva per la prossima fioritura, si recidono solo quando sono secche. I bulbi si lasciano nel terreno da un anno all’altro, oppure si estraggono e si conservano in cassette, in ambiente asciutto.

Scarica la scheda in formato .pdf