Orto con vista
Condividi  

Orto con vista

10 consigli per il tuo orto in balcone!

C’è chi lo paragona allo yoga e, a conti fatti, i benefici sono molto simili: il giardinaggio allevia lo stress e contribuisce alla salute fisica e mentale. Coltivare un orto in vaso è infatti una scoperta continua che regala una piccola gioia ad ogni raccolta e appaga il palato con un gusto lontano da quelli degli ortaggi del supermercato. In più, a differenza di fiori e piante, gli ortaggi sono ancora più facili da gestire e sono un buon punto di partenza per chi non ha il famoso pollice verde.
Ecco 10 preziosi consigli per iniziare:

  1. ESPOSIZIONE IDEALE: prediligi un’esposizione soleggiata oppure ombreggiata, ma molto luminosa. In estate, durante le ore più calde, assicurati che le piante possano godere di un po’ d’ombra per evitare il surriscaldamento o la carenza idrica.
  2. DISPOSIZIONE DELLE PIANTE: colloca le piante con accrescimento verticale vicino alle pareti o alle spalle di piante meno vigorose. Le specie a ciclo rapido si possono posizionare a fianco di quelle più vigorose e tardive.
  3. DISTANZA DELLE PIANTE: fai sì che ogni pianta abbia il proprio spazio vitale per svilupparsi al meglio. Alcuni esempi: 50- 70 cm tra le piante di zucchine, 40 cm per pomodori, peperoni, melanzane, cetrioli, cavoli, 35 cm per le cicorie, 25 cm per lattughe, bietola, sedani, finocchi, 10 cm per cipolle, porri, agli, rucola, 3 cm per carote, ravanelli, prezzemoli. 
  4. VASI E CONTENITORI: scegli le soluzioni che preferisci a seconda del tuo gusto e delle tue esigenze, ma non dimenticare mai di rispettare la proporzione tra le dimensioni del vaso e la pianta da ospitare.
  5. DRENAGGIO: evita il ristagno posizionando sul fondo dei contenitori del materiale che favorisca il deflusso dell’acqua nei sottovasi come dell’argilla espansa, dei cocci o del ghiaino.
  6. TERRICCIO: non accontentarti mai di un terriccio di bassa qualità, è l’elemento chiave per la buona riuscita del tuo orto. Scegli tra quelli tradizionali già fertilizzati o quelli Bio già concimati.
  7. CONCIMAZIONE: valuta il giusto nutrimento per le tue piante. Se non hai optato per un terriccio già concimato, allora arricchiscilo con dello stallatico o con un concime minerale a lenta cessione.
  8. PRIMA DEL TRAPIANTO: assicurati che il pane di terra della piantina non sia troppo asciutto prima di effettuare il trapianto. In quel caso irrigare abbondantemente.
  9. TRAPIANTO: scava una piccola buca nel terriccio e posiziona la piantina. Premi energicamente il terriccio intorno al pane e irriga.
  10. IRRIGAZIONE: tieni presente che ci sono tanti fattori che determinano le necessità idriche di ciascuna pianta, ma in generale vale la regola che, tranne nei periodi con alte temperature, è sempre meglio dare poca acqua per evitare il ristagno idrico.
     

Scarica la scheda in formato .pdf